Prezziari Mite 2022

18 Febbraio 2022 
  |  

Il decreto prezziari del ministero della Transazione ecologica prevede un totale di 34 voci, sono esclusi dalle tabelle le colonnine di ricarica e gli impianti fotovoltaici ed è previsto un incremento lineare dei valori pari al 20% per la maggioranza dei casi.

Superata la fase transitoria di 30 di giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale i prezziari saranno l'unico riferimento ammissibile pertanto, coloro i quali volessero conservare il quadro economico riferito ai valori antecedenti, avranno la possibilità di presentare un titolo edilizio.

In ambito condominiale, nel caso di impossibilità di presentazione di un nuovo titolo edilizio prima del termine della fase transitoria, l’amministratore sarà tenuto convocare imprese e professionisti tecnici per far quadrare i conti dei capitolati già approvati e, nel caso, rifarli e convocare nuovamente l’assemblea per una nuova approvazione, conseguentemente, anche nei rapporti con le banche, potrebbe essere necessaria una nuova procedura di ridefinizione degli importi.

Viene infine confermata la considerazione dei costi in tabella al netto di Iva, prestazioni professionali, opere relative alla installazione e manodopera per la messa in opera dei beni consentendo a questi elementi di restare fuori dai massimali.

I valori previsti dal decreto dovranno essere utilizzati per le asseverazioni legate al superbonus e per quelle dei bonus minori, quando una verifica di congruità sia prevista dalla legge. Restano esclusi tutti i piccoli interventi e quelli in edilizia libera: a loro non si applicano le verifiche di congruità in caso di cessione o sconto in fattura.

Condividi